Ritualità


Uno dei tanti aspetti che differisce l'ibrido digitale dal nativo è il godere della ritualità, quella che ci fa prendere un album di fotografie per leggerlo davanti al camino, per poi riporlo, prendere un cd metterlo nel lettore, ascoltarlo sul divano, per poi riporlo, andare in edicola comprare un quotidiano, leggerlo su una panchina, per poi riporlo, questi ed altri rituali imparati da bambini e mai completamente perduti. Il nativo digitale ha un unico rituale, schiacciare il tasto home dell'Ipad e tutto gli viene presentato allo stesso modo, la musica, quanto le foto o il lavoro, tutto rigorosamente appiattito dallo stesso rituale, facendogli perdere una buona parte dell'esperienza cognitiva legata alla gestualità e al movimento. Ora vado a prendere il mio piccolo nativo a scuola ed oggi invece dell'Ipad sfoglieremo l'album di famiglia, per poi riporlo...
Matteo Piselli 1971 Perugia

pubblicato nella sezione Inbox del numero 01/2011 di Wired