City Lights



SI può trovare un’amica vera a mille chilometri di distanza? Se si ha una passione in comune e compatibilità di socialcarattere si può eccome. Quasi per caso un giorno, mi sono trovato a chiacchierare su twitter con @fascinorock, il nome è tutto un programma, lei si occupa appunto di fashion e Rock, con molta passione, cosi tanta da essere quasi travolgente. Ci siamo subito piaciuti, perché entrambi amiamo, in modo diverso, la musica. Dopo un’ora dall’aver parlato la prima volta, mi aveva già proposto un’intervista sul suo blog http://fascinorock.wordpress.com/, aveva avuto altre idee e ne stava tirando fuori altre, assolutamente incontrastabile, come un vulcano di colori. Nel frattempo è passato del tempo, abbiamo fatto qualcosina insieme, ma ci mancava la vera collaborazione, un progetto nuovo da portare avanti insieme.

Vi presento La mia amica Sara e lo faccio con una breve intervista, per farvi capire quanto è dannatamente Rock 

1 -Ciao Sara, quando è iniziato il tuo rapporto con la musica  
l mio rapporto con la musica che mi piace è iniziato quando comprai una radio con la doppia cassetta e durante una pausa delle lezioni al primo anno di liceo, i miei due compagni metallari che sedevano dietro di me,uscirono una scatola piena di tesori: c’'erano Ac-Dc, Guns Roses e la cassetta di Tyr dei Black Sabbath... Riuscii a farmela prestare e il giorno dopo andai a comprare i miei primi album rock: il 2 Greates Hits dei Queen e Ride the Lithing dei Metallica. Da allora non mi sono più fermata.  

2 - I tuoi familiari hanno influenzato i tuoi gusti? Se si, in che modo?  
In realtà i miei gusti musicali non sono stati influenzati dai miei genitori, a parte una passioncella per Mina e Celentano e il jazz, visto che mio padre da giovane suonava la tromba.   

3 - Che rapporto hai con il canto e gli strumenti musicali  
Il mio rapporto col canto è pessimo. Non mi sono mai sentita una cantante, piuttosto una musicista. Ho iniziato a suonare il basso, ma poi le percussioni e la batteria hanno catturato il mio interesse. Il ritmo è tutto!  

4 - Preferisci scoprire musica ed artisti nuovi o cullarti nelle tue certezze del passato  
Amo molto la musica con cui sono cresciuta e la riascolto spesso, ma amo le novità e la ricerca, quindi sono sempre alla ricerca di nuove band e di nuove sonorità. E quando scopro  una nuova band sono sempre entusiasta come un bimbo in una pasticceria. L'evoluzione della musica è importante, ma penso che però si possa avere se si conosce anche la vecchia musica. Mi spiego:i Led Zeppelin ai tempi portarono rivoluzione nella musica, ma loro conoscevano i musicisti che erano venuti prima di loro, per es: Muddy Waters, ne hanno fatto tesoro e rielaborato nuova musica. Io cerco sempre band originali e per dirla in modo giovane "che spaccano!"  

5 - Tendenzialmente preferisci artisti uomini o donne? Perché?  
Se sono bravi, non c'e'differenza, pero la mia vena femminista e riot girl pende verso le donne... ma ripeto, di fronte alla bravura, il sesso non conta. Adoro molte cantanti e band femminili e lo ribadisco, spesso non vengono fatte emergere rispetto ai loro colleghi uomini, ma la bravura premia alla lunga.  
Non è strepitosa? ;-)


Twitter - @fascinorock 




Pinterest - Sara Stella


Cosa mi sarei persa se non ci fosse la musica nella mia vita? Tantissime esperienze  e tantissimi amici. Ho conosciuto IbridoDigitale su Twitter proprio attraverso uno scambio di tweet su un argomento musicale. Lui mi ha fatto leggere due suoi articoli del suo meraviglioso blog http://www.ibridodigitale.com/ e lì è scattata la molla. Il post in cui spiegava che grazie alla musica, un suo incontro di lavoro aveva preso una piega inaspettata e piacevole, mi ha entusiasmato nei suoi confronti. Inoltre Ibrido Digitale si occupa di Nativi e Ibridi Digitali, un argomento che sento molto vicino: ci mette passione, idee potenti e tanto tanto cuore. Le idee che sviluppa nel blog  e nei vari social sono molto belle e coinvolgenti: dovevo intervistarlo assolutamente! Ibrido Digitale si è conquistato non solo un’amica, ma anche un piccolo tsunami,  che come dice lui, non sta mai ferma. Ma in realtà è la sua voglia inarrestabile che mi sprona. Da qui nasce la sua idea di una collaborazione in un progetto incrociato dove canalizzare le nostre idee. E come dice una nostra comune amica: attenti a quei due!  
Ma adesso è il momento di presentarvi il mio amico Matteo  


1 - Quale canzone o cantante ti ha fatto capire che amavi la musica?  
Ho iniziato ad ascoltare seriamente la musica ad 8-9 anni, ogni settimana mio padre, che aveva un amico dj, riportava a casa le nuove uscite discografiche e io l'aiutavo a registrare le cassette, avevamo davvero un bell'impianto, probabilmente la colonna sonora di Saturday Night Fever è stata decisiva.  


2 - Il tuo primo disco acquistato?  
Facilissimo, Der Kommissar di Falco, un orrendo rap in tedesco del 1982 che è stato a lungo primo in classifica, ma avevo 11 anni e da lì in poi sono stato influenzato da mio fratello più grande di 6 anni, in direzione post punk inglese, Roxy Music, New Order, Smiths, Pil, Clash, Cure....... contemporaneamente l'altro fratello più grande di 4 anni mi ha influenzato in direzione Black americana: Marvin Gaye, Diana Ross, James Brown, Commodores, Jackson Five.......  

3 - il tuo primo concerto?  
L'immenso Lucio Dalla, a Porto Cervo, metà anni '80, un musicista pazzesco, tutt'ora ne conosco decine di canzoni completamente a memoria.  

4 - Quali sono le emozioni che provi grazie alla musica?  
La musica, ti porta dentro il sogno, il sogno di cantare, di suonare, di ballare, se ti lasci travolgere è in grado di esaltarti più di qualsiasi droga, posto di saperne apprezzare la bellezza ed avere i mezzi per ascoltarla con qualità.  

5 - La musica è la tua esperienza, dice Charlie Parker. Dimmi una tua esperienza al riguardo.  
Non sono musicista, non sono cantante, da adolescente sono stato travolto dal seme dell'Hip Hop, il Rap di Grand Master Mel, accompagnava le mie performance di ballo in giro per le discoteche umbre, era il mio modo per esprimere l'amore incondizionato per la musica, poi è passata, sono cresciuto ed ho iniziato a formare la mia competenza, con una solida base di esperienza musicale, ho conosciuto il Raggae e l'ho amato profondamente, ma nel frattempo ho iniziato ad ascoltare il Rock Prog, per arrivare al Metal Prog, completando così il mio repertorio.  
Non è adorabile? e allora...attenti a noi due!!


Twitter - @ibridodigitale 




Share this: