A scuola di OpenSource per capire l'OpenData


Cosa percepisce la gente quando si parla di OpenSource? E per gente intendo sia giovani che meno giovani, normalmente istruiti sull'uso delle tecnologie. In questo momento si parla molto di software OpenSource destinati a migliorare il contatto fra la PA e il cittadino, ma io mi chiedo se al di fuori del "Network" dei Makers, di Wired, di CheFuturo, del Post.... se ne sia accorto qualcuno. 
Perché queste tecnologie vengono normalmente utilizzate in America e da noi non se ne conosce neanche l'esistenza? Il problema, secondo me parte dalla scuola, dove pur essendo presenti molte aule d'informatica, non vengono mai configurate macchine con con software aperto, mai. Se si prova a proporre questo tipo di soluzione, l'unico vantaggio che viene percepito è la gratuità, che purtroppo è data per scontata dall'utilizzo diffuso di software pirata, perché quindi utilizzare programmi diversi dal solito, a volte in Inglese, che nessuno conosce? La risposta è che il Software OpenSource abitua i bambini a ragionare subito in modo collaborativo, perché Open non è gratis, è un concetto diverso, il suo valore aggiunto nasce dalla possibilità di migliorarlo e ricondividerlo. Questa tesi negli Stati Uniti è ormai accettata da molti, ma è stato fatto un grande lavoro con una politica orientata all'alfabetizzazione informatica che è partita 20 anni fa ed è normale che la popolazione sia pronta per iscriversi all'Ateneo dell'OpenData, essendo prima passata per la scuola elementare di OpenSource, gli Italiani invece, non sono pronti per impegnarsi nella condivisione delle informazioni come strumento di buona politica e chi li rappresenta attualmente neanche, essendo la proiezione dell'elettorato stesso, quindi anche ammesso e non concesso che le istituzioni si dotino degli strumenti giusti, non vedo come potremo convincere le persone a prenderne sul serio l'utilizzo. Nel mio piccolo sto cercando di portare un progetto di biblioteca scolastica interamente basato su tecnologia aperta alle elementari frequentate da mio figlio, tanto per cercare di essere coerente.

Licenza Creative Commons

Share this: