Chi viene a vedere i Dream Theatre?


Non conoscevo questa band fino a 6 mesi fa, poi una persona della quale ascolto con molta attenzione i suggerimenti legati alla musica, me li ha fatti sentire. Come faccio sempre quando un gruppo mi incuriosisce, ho comprato il doppio cd dei successi, che come tutte le raccolte, non racconta mai la storia di un gruppo, ma aiuta a comprenderne lo stile.

Ho iniziato ad ascoltare i cd in auto e non mi hanno colpito particolarmente, ma solo per motivi tecnici, mi spiego: per chi non li conosce, questi musicisti americani suonano un genere che si chiama Progressive Metal, una miscellanea di Rock Progressivo ed Heavy Metal. Il Rock Progressivo, in due parole, è un'evoluzione del tradizionale rock, basso, chitarra, batteria, di stampo americano, che si spinge verso nuovi orizzonti elettronici e sinfonici; i principali esponenti sono stati i Genesesis, gli Yes e i King Crimson (gli ultimi li ho scoperti da poco).

L'Heavy Metal, è un'evoluzione dell'hard rock nel quale il suono e la voce vengono distorti, velocizzati e aumentati notevolmente, fino a rendere la musica molto più aggressiva. Gli esponenti più illustri sono probabilmente gli Iron Maiden, i Black Sabbath e gli AC/DC. I Dream Theatre hanno sapientemente mescolato i due generi, grazie soprattutto ad una tecnica davvero incredibile, soprattutto nel basso, almeno a mio parere, ma per goderne, bisogna sentirlo questo strumento, ci vuole quindi un buon impianto e possibilmente la pazienza di non fare altro, come guidare un'auto con una radio da schifo. Ora questi musicisti incredibili il 22 febbraio saranno al Palaevangelisti, chi vuole venire a vederli con me?

Mi rivolgo ai fichetti che si sparano quei concerti pallosissimi di Umbria Jazz, a chi si sente molto rock per aver visto i Negramaro, o a chi pensa che Vasco Rossi sia il non plus ultra della musica. Magari sarà un concerto di merda, ma quando vi ricapiterà di vedere un'esibizione Rock di questo livello?
Se vi ho convinti chiamatemi che andiamo insieme.

Ricordare Whitney a parole è difficile, quindi vi invito a cercare il video della sua esibizione a San Remo 1986, se ci ripenso ho ancora i brividi. Alla fine di un'interpretazione dal vivo assurda, il pubblico si è alzato in piedi ed ha invocato il bis, che lei a concesso con grande entusiasmo. Non mai più visto nulla di migliore a San Remo.

Licenza Creative Commons

Share this: