La vittoria del "Social"


Il social Network ha vinto la partita. Non mi riferisco solo a Facebook e Twitter che hanno trainato la rivoluzione culturale/sociale, poiché oggi qualunque nuovo progetto nasca sulla rete, o integra direttamente il proprio social network o aderisce pesantemente a quelli più noti; all'estero, soprattutto in Francia, si è poi diffusa l'abitudine di iscriversi a Social tematici, così c'è quello dei single, quello della musica rap, quello che si occupa di cucina, quello che si occupa dei gatti...... Fortunatamente in Italia questo costume si applica solo a pochi casi, come ad esempio l'ottimo LinkedIn, orientato ai soli professionisti. Tutto questo preambolo mi serve per parlare di quanto Google si stia allargando e di quanto lo faccia in silenzio, mi spiego: Google ha da tempo capito che non avendo trovato un accordo per integrare le proprie ricerche da e verso Facebook, ha di fatto escluso dai propri server le preziosissime opinioni delle persone sui fatti quotidiani, la politica, la religione, che sono appannaggio invece, di FacciaLibro. Con Google+ vorrebbe cercare di risolvere il problema alla radice, ma c'è un piccolo particolare da osservare, se siete iscritti a Google+ e quindi avete un account, state per entrare in un mondo che non vi piacerà o almeno non a tutti; per ora la funzione è attiva solo su google.com, ma al momento l’unico modo di evitare che post, foto, video e commenti dei nostri contatti Google+ finiscano nelle nostre ricerche è fare il logout dal nostro Google account. Posto che il 31,8% degli utenti effettua ricerche rimanendo loggato e che gli utenti di Google+ non hanno mai accettato che Google tratti in questo modo i propri dati personali, io mi sto preoccupando, non tanto del fatto in se, quanto del non riuscire quasi mai a capire le implicazioni che le innumerevoli novità che ci vengono fatte passare per rivoluzionarie ci portano.
Probabilmente Big G risolverà questo problema che gli sta procurando non poco imbarazzo, ma come si dice a Perugia "si tona da qualche parte piove".!

Licenza Creative Commons

Share this: