Il lavoro più bello del mondo



Alcuni anni fa ho avuto la fortuna di collaborare alla realizzazione di un portale della Provincia di Perugia che rendeva disponibile il materiale storico dell'ente in forma digitale. Propedeutico a questo incarico è stato un corso sulla catalogazione dei fondi fotografici. A tenere banco una preparatissima professoressa friulana, specialista del settore, che mi ha letteralmente rapito con i suoi insegnamenti e le sue esperienze.

Ho imparato a datare e collocare geograficamente una fotografia, basandomi sui vestiti portati dai protagonisti, dai modelli d'auto presenti, dalle targhe, dai mezzi pubblici utilizzati, dall'aspetto degli edifici, dagli esercizi commerciali aperti, ma anche dalla tecnica di stampa utilizzata, o dal supporto. Il lavoro in genere si svolge in questo modo: una volta individuato un fondo, che risulta quasi sempre composto da alcuni scatoloni con centinaia di foto ammassate in modo non organizzato, si procede ad una scrematura, eliminando gli scatti doppi, rotti, tecnicamente mal eseguiti ecc., a questo punto si procede ad individuare ogni tipo di riferimento contenuto nelle foto in modo da iniziare la vera catalogazione, dove quando possibile, bisogna sempre riportare almeno la data di scatto, la dimensione della foto, la profondità di colore, il fondo di appartenenza e la collocazione specifica. In alcuni casi si procede alla scansione e pubblicazione online del materiale.

Questo è stato di gran lunga il lavoro più interessante che io abbia mai svolto e spero di avere occasione di rieseguirlo, ma intanto la mia esperienza mi dice che questa fotografia raffigura un' Alfa 1900 1° tipo con ponte non ancorato, siamo nel febbraio 1952, siamo a Perugia, l'immagine è in scala di grigi e misura 23,6 x 17,2 cm. Ok ok, lui è mio nonno, sarebbe impossibile essere così precisi su una foto anonima, ma ci si può andare molto vicino vi assicuro, munendosi dei giusti testi e con molta pazienza si fanno miracoli.
Per visionare i fondi ai quali ho lavorato, www.cemir.it sezione foto.

Licenza Creative Commons

Share this: