La cioccolata e la minestra

Il mezzo può stimolare la ricerca di contenuti di qualità?


Non so se altri hanno affrontato questo tema in precedenza e non mi interessa, io so che si tratta di un mio ragionamento che prende spunto dal comportamento dei bambini.

Se vi capita di dare da mangiare ad un bambino, provate a mettergli di fronte insieme un cioccolatino e un piatto di minestra, secondo voi cosa mangia? Se invece gli fate trovare solo la minestra, che cosa mangia? Ora provate a sostituire il tavolo con internet, la cioccolata con i contenuti multimediali, i giochini, le suonerie ecc.. e la minestra con i contenuti culturali; naturalmente i bambini sono gli utenti, soprattutto giovani.

Il problema di inserire contenuti interessanti su internet è proprio questo, cioè avere un'unica interfaccia per molteplici tipologie di informazioni. Una volta, non più di 15 anni fa, per leggere un enciclopedia, dovevo alzarmi cercarla, aprirla, leggerla e riporla. Per consultare delle fotografie, lo stesso e non potevo assolutamente fare le due cose simultaneamente. Oggi si, anche più di 2, ma si è persa la "Ritualità" delle azioni che sono state tutte appiattite come uno schermo lcd. Non c'è la minima differenza di accesso tra un video di youtube sugli incidenti sportivi e una videolezione di Inglese o la recitazione della Divina Commedia.

Ma allora come posso convincere un 14enne a leggere un libro dei Promessi Sposi invece delle novità del "Grande Fratello"?

La battaglia si gioca su più fronti:

  • Utilizzo delle stesse armi - Non si può pensare di utilizzare strumenti tecnologici inferiori a quelli usati per i contenuti commerciali, quindi largo ai Blogs, Facebook, MySpace ecc.
  • Favorire l'attitudine - I giovanissimi nascono in un mondo multimediale, ma spesso utilizzano male la loro attitudine alle macchine, basta vedere l'inquietante utilizzo dei tasti del telefonino per inviare sms mentre parlano di tutt'altra cosa. Di solito messi difronte a percorsi multimediali complessi hanno una capacità ricettiva di 2 o 3 click, poi si stufano. Bisogna lavorare sin dalle scuole inferiori sul metodo.
  • Dare tutto In questi anni ho visto molti insegnanti, a tutti i livelli, arroccarsi dentro i loro 4 argomenti, difendendone la conoscenza, come fossero i segreti della vita. Che tristezza.
 In questi tempi di veloci cambiamenti non si insegna più la tecnica, ma la possibilità di...., senza paura di essere scippati della propria conoscenza, che tanto ha vita breve, fra un anno sarà comunque tutto diverso. Il percorso è durissimo, ma anche affascinante, poiché chi veramente riuscirà a prendere dalla grande mole di informazioni oggi disponibili, le cose veramente valide, si distinguerà subito da chi utilizzerà la rete come un telefonino.

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

Share this: